11 11/2015 14:20

Comunicati Stampa

Con Jiffy donazioni non profit anche via App

Con Jiffy donazioni non profit anche via AppScarica (PDF 32.06 KB)

Milano, 11 novembre 2015 – Jiffy, il servizio sviluppato da SIA per inviare e ricevere denaro in tempo reale dallo smartphone, grazie alla collaborazione con 13 gruppi bancari italiani diventa anche un innovativo strumento per effettuare donazioni agli enti benefici.

L’Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro (AIRC) è la prima a rendere disponibile questa nuova modalità tramite il numero di cellulare 380.8673811 in occasione delle iniziative de "I Giorni della Ricerca" (www.airc.it). Con Jiffy, AIRC potrà disporre in tempo reale dei fondi avendo la disponibilità e la rendicontazione immediata delle somme versate.

Per fare una donazione, occorre essere titolari di un conto corrente in una banca aderente a Jiffy (circa 50 presenti in Italia) e scaricare la app dal sito del proprio istituto di credito.

A questo punto, il donatore deve solo registrare nella rubrica del proprio smartphone il numero di telefono dell’ente (per AIRC 380.8673811) e, all’interno della app, selezionarlo, inserire l’importo e completare l’operazione di invio con un semplice click.

Jiffy sarà attivo a breve anche per altre organizzazioni non profit e potrà essere utilizzato in tutte quelle occasioni in cui c’è necessità di raccogliere velocemente fondi, come ad esempio nel caso di catastrofi ambientali o emergenze sanitarie.

Gli istituti di credito già attivi con Jiffy sono BNL, Cariparma, Carispezia, Friuladria, Gruppo Carige, Hello bank!, Intesa Sanpaolo, UBI Banca, UniCredit, Widiba e prossimamente anche Banca Mediolanum, Banca Popolare di Milano, Banca Popolare di Sondrio, Banca Popolare di Vicenza, Che Banca!, Gruppo Poste Italiane e Monte dei Paschi di Siena.

Il servizio offerto da SIA è in linea con le normative in tema di erogazioni liberali, consentendo così al donatore di beneficiare della detraibilità fiscale allegando alla dichiarazione dei redditi i documenti necessari (ricevuta da parte dell’ente benefico e il proprio estratto conto).